E’ uno scherzo?


di WALTER VELTRONI

 

«Il disordine … spaventa … costringe a riprogettare …

… la rete … ha completamente mutato le dinamiche delle relazioni umane e sociali.

… “non c’è più il futuro di una volta”.

… la politica arranca. Ha rinunciato a grandi progetti

… E’ inevitabile ripensare al sessantotto

… necessità di pensieri lunghi , di progetti grandi, di tempo per realizzarli.

… Il riformismo è, ai miei occhi, il bisogno assoluto di questo tempo di caos.

… una autentica rivoluzione democratica.

… al Lingotto dissi che una volta … una volta … una volta …  non ci sarebbe nulla di male se il potere pubblico, forte della sua autoriforma, dicesse a quel dieci per cento della popolazione …

… Olof Palme

… un governo autorevole, il che esclude Berlusconi …

… la fine della occupazione partitica della Rai e delle aziende locali, l’una affidata a meccanismi tipo Bankitalia e le altre ad un mercato regolato e orientato a valorizzare forze …

… lo snellimento radicale di tutta la diffusa “professionalizzazione” della politica …

… Partiti più lievi

… Scelta netta per gli Stati Uniti d’Europa e l’elezione diretta del loro Presidente …

… più forti politiche comuni … a cominciare dagli eurobond.

… unioni civili …

… le dieci opere strutturali fondamentali per il paese e affidamento del potere di realizzazione a persone oneste e stimate …

 

Per me questo, e altro, è il riformismo».

 

 

È uno scherzo?

 

Dimenticavo: «… Non devo riandare ad Alcide De Gasperi … Penso al partito nel quale sono cresciuto, alle persone da cui ho imparato a fare politica. Il Pci, per me che non ero ideologicamente comunista, era il “paese pulito nel paese sporco”. Forse non era proprio così, ma così la pensava, non dimentichiamolo, un italiano su tre.»

 

1 Comment

  1. CarloRiviello ha detto:

    e te lo sei pure cuccato fino in fondo?
    che masochista….

Leave a Comment