Doveroso moblitarsi per il referendum


Un mese fa il Pd ha presentato un’ottima riforma elettorale imperniata sul collegio uninominale a doppio turno.

Si poteva legittimamente sperare che di fronte a quella iniziativa corale del primo partito dell’opposizione parlamentare le acque si smuovessero, ma purtroppo bisogna obiettivamente registare che così non è stato.

E’ evidente che a questo punto l’unico treno che passa per le riforme è il referendum elettorale Morrone-Parisi, per cui occorre mobilitarsi prontamente per mettere in mora la sciagurata legge elettorale vigente, la porcata.

Non c’è quindi nessuna contraddizione, ma anzi forte complementarietà tra l’iniziativa parlamentare del Pd e il sostegno a un’iniziativa civica che, ripristinando la legge Mattarella, comporta già un primo serio miglioramento.

In Parlamento si potrà fare ancora meglio, sulla base della proposta Pd, ma intanto il treno che passa per le riforme è obiettivamente solo quello.

Stefano Ceccanti

Leave a Comment