A 99 anni muore il grande amico di Montini e Maritain: ci ha insegnato cos’è la coscienza


http://catalunyareligio.cat/articles/11896

Ramon era fuggito dalla Catalogna il 23 agosto 1936 approfittando di un invito a un congresso giovanile a Ginevra e si stabilì lì.
Nel suo libro-intervista, curato dal monaco benedettino di Montserrat Hilari Raguer, ricorda che nel novembre 1936 entrò in un confessionale in quella città dove trvò un prete catalano.
“Quanti anni hai?”
“Mi scusi, ma io vengo a confessare i miei peccati, non a dichiarare il mio stato civile”.
“Non hai forse l’età militare? Perché non vai a lottare per Crsto Re?”
“Non sono venuto qui per parlare degli avvenimenti del nostro paese, bensì dei miei peccati”.
“Se non vai a combattere per Cristo Re non posso darti l’assoluzione”.
“Allora mi perdoni, ma io me ne vado”
Ramon esce e va alora a consigliarsi da un altro saceredote, il futuro cardinale Charles Journet: “Mi incoraggiò ad agire secondo la mia coscienza senza lasciarmi influenzare da condizionamenti esterni. Non è con la forza delle armi che il regno di Cristo verrà sulla terra”.
Da lì inizia la storia che porta Ramon da Montini a Maritain, al ruolo di uditore laico al Concilio vaticano II e a vedere poi la nuova democrazia spagnola.
Il libro “Dalla guerra di Spagna al Concilio” è edito da Rubbettino

17 Comments

  1. Stefano Ceccanti ha detto:

    International Catholic Movement for Intellectual and Cultural Affairs
    Mouvement International des Intellectuels Catholiques
    Movimiento Internacional de Intelectuales Católicos
    3 rue de Varembé, CP 161, 1211 Geneva 20, Suisse
    Tel: +41 22 823 0707 Fax: +41 22 823 0708
    (Enable Javascript to see the email address) / (Enable Javascript to see the email address) http://www.icmica-miic.org

    Geneva, March 1, 2011

    Dear ICMICA friends and leaders,

    I have received a communication from Fr. Luis Maria Goicoechea, the International Chaplain of Pax Romana ICMICA-MIIC about the sad news that Ramon Sugranyes de Franch, a founding member of Pax Romana ICMICA-MIIC and who served the movement as the first General Secretary since the creation of Pax Romana ICMICA-MIIC from 1947 to 1961, has passed away at his age 100 on Sunday 27 February 2011 in Barcelona.

    As many of you know him very well, he is the founding member of Pax Romana ICMICA and worked as the first General Secretary at its secretariat located in Fribourg (Switzerland).

    He has played a key role in building newly created movement of PR ICMICA globally, very actively build an European network of friendship among famous intellectuals and theologians, organised the “historical” Pax Romana meetings and greatly contributed as a delegate of Pax Romana to the Vatican Council II as a lay auditor and cooperate fully with the Holy See to prepare the first Congress of the Lay Apostolate, organized on the initiative of Vittorino Veronese, president of Italian Catholic Action Movement and Vice-president of ICMICA in Rome, and served as a member of the Pontifical Council of Laity and also as the President of the Conference of the ICOs (International Catholic Organizations) in the 60’s.

    Some of us have had the privilege and the great pleasure of meeting him during ICMICA’s historical meetings, listening his passionate story telling about interesting histories of the movement and the role that our movement played for the democratic transition of many European countries and the opening of Church to the World and to Laity after the Vatican Council II.

    He had been a living history and the spirit of our movement of Pax Romana ICMICA-MIIC, and he will be surely missed by our movements of Pax Romana and his family. I am also confident that he will continue to guide and support our movement from heaven.

    So Friends, please keep him in your thoughts, prayers and heart. May Ramon Sugranyes de Franch rest in eternal Peace of our Lord!
    In solidarity with Ramon Sugranyes de Franch’s family

    Peace of Christ,

    Laurence KWARK
    Secretary General
    Pax Romana ICMICA/MIIC
    3 rue de Varembé, 4 étage/4th floor
    CP 161, 1211 Geneva 20, Switzerland
    Tel/Fax: +41 22 823 0707 / +41 22 823 0708
    Email: (Enable Javascript to see the email address) & (Enable Javascript to see the email address)

    PS: I send you all in the attached files, the tribute to Ramon Sugranyes de Franch, written by Fr Antoine SONDAG, a former International Chaplain of Pax Romana ICMICA-MIIC. Kindly send your solidarity message to his family through Fr. Luis Maria Goicoechea (Enable Javascript to see the email address) and Nuria Sastre at (Enable Javascript to see the email address) & (Enable Javascript to see the email address)

  2. Stefano Ceccanti ha detto:

    Décédé à près de 100 ans, Ramon Sugranyes de Franch a été un pilier de Pax Romana et l’un des fondateurs du MIIC. Son histoire personnelle jette une lumière sur ses convictions et son action, convictions et action qui ne cessent d’inspirer Pax Romana.

    Né près de Barcelone en 1911, Ramon fait des études de droit et de lettres et est engagé dans le mouvement des étudiants catholiques durant la République espagnole (1930-1936). Partisan des idées pédagogiques novatrices, il est en même temps collaborateur de divers journaux. Au début de la guerre civile (36-39), ce fervent catholique est opposé à l’esprit de croisade qui anime beaucoup d’évêques et de catholiques espagnols. Ramon décida de partir en exil en France où il milite au sein des Comités pour la paix civile et religieuse, avec Maritain et d’autres intellectuels (Salvador de Madariaga). Durant la 2eme guerre mondiale, il trouve refuge en Suisse où il accompagne le cardinal Vidal i Barraquer – le principal représentant d’une Église opposée au soulèvement militaire du général Franco. Il passe sa thèse et poursuit ses études sur Ramon Llull, grand théologien catalan du Moyen Age, un précurseur du dialogue interreligieux. Ramon enseigna les études ibériques jusqu’à sa retraite à Fribourg (Suisse) où se trouvait alors le secrétariat international de Pax Romana.

    Ramon contribua à la création du Mouvement International des Intellectuels Catholiques (MIIC) de Pax Romana dont il existait auparavant une branche étudiante (le MIEC), d’abord comme secrétaire général de la création en 1947 à 1961 et puis comme président pendant dix ans dans les années 60s. De ces années à la tête du MIIC sont nées de nombreuses amitiés : le philosophe Jacques Maritain, le théologien et futur cardinal Journet, le prélat de la Curie Montini, le futur pape Paul VI, l’italien Vittorino Veronese (futur directeur de l’UNESCO), l’espagnol Joaquin Ruiz-Gimenez qui jouera un rôle dans la transition démocratique de l’Espagne, la portugaise Marias de Lourdes Pintassilgo (qui a été premier ministre durant la transition), le chilien Eduardo Frei (le président avant S. Allende), le polonais Tadeusz Mazowiecki, premier ministre de la transition polonaise. Comme représentant de Pax Romana, il est devenu président de la Conférence des OIC (Organisations Internationales catholiques) dans les années 60. Auditeur laïc au Concile Vatican II (62-65), il a contribué à l’évolution d’une Église ouverte sur le monde et ouverte aux laïcs : il a été membre du Conseil Pontifical des Laïcs durant la première mandature, où il a siégé aux côtés de l’archevêque Karol Józef Wojtyla qui deviendra le Pope Jean Paul II en 1978!

    Après ces mandats, Ramon a présidé l’Institut International Jacques Maritain établi en Vénétie et qui joue un grand rôle pour la diffusion de cet humanisme intégral et ce souci d’ouverture qui ont caractérisé l’esprit du Concile Vatican II.

    Attaché à l’Université de Fribourg qui lui avait donné refuge, symbole de science et d’étude pendant les années troublées, qui est aussi le lieu de naissance de Pax Romana, Ramon a toujours maintenu un lien étroit avec sa Catalogne natale où il passait ses vacances et où il est mort. En 1998, il avait publié ses mémoires en catalan : « Militant per la justícia » (Barcelone, édition Proa).

    Nous pouvons méditer sur ce destin difficile : lorsque le cours de l’histoire semble obliger à choisir un camp contre l’autre. Y a-t-il une place pour une voie qui respecte la vérité et la dignité de tous ? Quel est le chemin à parcourir pour préparer les transitions, au plan intellectuel, culturel et politique, lorsque l’orage a cessé et qu’il faut construire le monde nouveau ?

    Nous pouvons remercier Dieu pour l’oeuvre accomplie par Ramon Sugranyes de Franch.

    Deceased with nearly 100 years, Ramon Sugranyes de Franch was a pillar of Pax Romana and one of the founders of the Pax Romana ICMICA-MIIC. His personal history throws a light on his convictions and his action, convictions and actions which do not cease to inspire Pax Romana.

    Born in a place close to Barcelona in 1911, Ramon studied Law and literatures, and had been engaged in the movement of the catholic students during the Spanish Republic (1930-1936). Partisan of the innovative teaching ideas, he worked at the same time as a collaborator for various newspapers. At the beginning of civil war (1936-1939), this enthusiastic catholic is opposed to the spirit of crusade which animates many bishops and Spanish Catholics. Ramon decided to exile in France where he was actively involved with the Committees for civil and religious peace, with Maritain and other intellectuals (Salvador de Madariaga). During the World War II, he takes refuge in Switzerland where he accompanied the cardinal Vidal I Barraquer – the principal representative of the Church opposed to the military uprising of the general Franco. He passed his thesis and continues his studies on Ramon Llull, great Catalan theologian of the Middle Age, a precursor of the inter-religieux dialogue. Ramon taught the Iberian studies until his retirement in Freiburg (Swiss) where then the international secretariat of Pax Romana was based.

    Ramon contributed to the creation of the International Movement of the Catholic Intellectuals (ICMICA-MIIC) of Pax Romana, of which, a student branch already exist (the IMCS), first as General Secretary of creation from 1947 to 1961, and then as the International President during ten years in the 60s. During these years, there were many friendships built through the activities of the ICMICA-MIIC such as the philosopher Jacques Maritain, the theologian and future cardinal Journet, the prelate of the Roman Curia Montini – the future pope Paul VI-, Italian intellectual Vittorino Veronese – future director of the UNESCO-, Spanish intellectual Joaquin Ruiz-Gimenez who played an important role for the democratic transition of Spain, the Portuguese Marias de Lourdes Pintassilgo – who became the first Prime Minister of Portugal during the transition from Military regime, Chilean Eduardo Frei – the president of Chile before S. Allende-, Polish Tadeusz Mazowiecki – Prime Minister for the Polish transition-. As representative of Pax Romana, he became the President of the Conference of the ICOs (International Catholic Organizations) in the 60’s. Lay Observer to the Vatican Council II (1962-65), he has contributed to the evolution of the Church to open herself to the world and to lay people: he was a member of the Pontifical Council of Laity during the first mandate, where he sat at the sides of the archbishop Karol Józef Wojtyla who became the Pope Jean Paul II in 1978!

    After these mandates, Ramon chaired International Institute of Jacques Maritain established in Venezia, which plays a great role for the diffusion of this integral humanism and this concern of openness which characterized the spirit of the Vatican Council II.

    Attached to the University of Freiburg which offered him a refuge, symbol of science and study during the troubled years, which is also the birthplace of Pax Romana, Ramon always maintained a close link with his native Catalonia where he spent his holidays and where he died. In 1998, he published his memory in Catalan: “Militant for Justice – Militant per justícia” (Barcelona, Proa Edition).

    We could meditate on this difficult destiny: when the course of history seems to force to choose one camp against the other. Is there a place for a way that respects the truth and the dignity of all? Which is the way to travel to prepare the transitions, at intellectual, cultural and political level, when storm ceased and we have to build the new world?

    We can thank God for the work accomplished by Ramon Sugranyes de Franch .

  3. Alessandro Canelli ha detto:

    Fortunato a trovarsi all’estero nel 1936 e non a Barcellona – altrimenti al Concilio ci sarebbe andato qualcun altro.

    Mi perdoni Ceccanti, ma l’episodio mi fa tornare alla mente la leggenda di Dossetti comandante partigiano senza armi. O si è comandante partigiano, e allora si condivide la sorte di quelli che si comandano, anche nelle armi, o si sta a casa. Altrimenti come si può comandare ad altri di usarle e come usarle quando ci si rifiutasse di portarle?

    Ma il nostro, se fosse stato a casa, forse sarebbe tra quelli che sono stati elevati agli onori degli altari da GPII. E allora come possiamo condannare chi per “Cristo Re” o, meglio contro altri si trovò a combattere, in Messico o Spagna?

    Se questo signore ha potuto tornarci in Spagna, è perchè non hanno vinto altri, con tutti i distinguo (che non posso non condividere) verso chi combatteva per “Cristo Re”.

    Se il Novecento è stato un secolo immondo, non è il non avere preso parte che ci fa migliori.

  4. Stefano Ceccanti ha detto:

    Caro Canelli, sono francamente meravigliato (ed è dire poco) di questo suo commento e dico meravigliato solo perché immagino che lei non conosca bene questo pezzo di storia. Un conto è elevare agli altari persone uccise per fanatismo (e forse lo meritebbero anche vari preti baschi uccisi dai franchisti) o condannare qualcuno. Un altro è capire cosa è successo. Che c’entra la Resistenza? Lì c’era una parte giusta e una sbagliata. Lì c’èra una tragedia della Terza Spagna di cui ha parlato in un bel libro Paul Preston di chi, se fosse rimasto, sarebbe stato ucciso comunque, o dagli uni o dagli altri. In particolare la stragrande maggioranza dei cattolici abschi e catalani, fieramente cattolici e fieramente antifranchisti.
    Questo signore, amico personale di Sturzo e Maritain, è potuto tornare perché anche grazie al suo amico Paolo VI e al Concilio Vaticano II quel regime, che voleva durare e che riempiva le carceri negli ultimi anni di preti, soprattutto baschi, è crollato, per fortuna in modo incruento.
    La transzizione democratica non fu certo voluta dal regime, anche se molti, cresciuti dall’interno del regime, come Adolfo Suarez, capirono che bisognava uscirne.
    Altrimenti, come il suo amico, il vescovo Vidal I Barraquer, sarebbe morto in esilio.

  5. Stefano Ceccanti ha detto:

    Dal blog di Pierluigi Mele

    Un militante per la giustizia: Ramon Sugranyes de Franch
    2 / 3 / 2011 |

    Alla vigilia del suo centesimo compleanno Ramon Sugranyes de Franch è morto a Barcellona lo scorso 27 febbraio. Per i più in Italia, forse, questo nome non dice nulla. In realtà è stato un vero protagonista del movimento cattolico internazionale e della storia culturale europea del novecento.

    La sua vita si può leggere in una bella intervista pubblicata dalla casa editrice Rubbettino (Ramon Sugranyes de Franch, “Dalla guerra di Spagna al Concilio. Memorie di un protagonista del XX secolo”. (Intervista a cura di P. Hilari Raguer), Ed. Rubbettino, pagg. 247. € 15,00).

    Nato nel 1911 in Catalogna da una famiglia borghese, Il padre, architetto, è stato stretto collaboratore di Gaudì, il genio che progettò la Cattedrale della Sagrada Familia a Barcellona.
    Si trasferì, da esule, a causa della guerra civile (o incivile) spagnola, a Friburgo in Svizzera (dove è stato professore di Letteratura Iberica) divenne nella seconda metà del ‘900 presidente di Pax Romana (l’organizzazione internazionale degli e degli intellettuali cattolici) che gli consentì di partecipare, come uditore laico, al Concilio Vaticano II (è stato uno dei protagonisti, insieme ai teologi francesi, nella redazione della Gaudium et Spes). Così tra questi due eventi, ma anche successivamente, si svolge la testimonianza di questo limpido “militante per la giustizia” (questo è il titolo originale, in lingua catalana, del libro).

    Questo “catalano universale”, non solo per la sua attività di Presidente di Pax Romana – poi dell’Istituto Internazionale “Jacques Maritain” – ma anche per il suo magistero intellettuale all’Università di Friburgo, è un rappresentante esemplare degli uomini di quella “terza Spagna” che durante il conflitto fratricida «non trovarono – come scrive lo storico benedettino Raguer – il loro posto nelle ‘due Spagne’ caine e che, oltretutto, agirono come ‘pompieri’». Ovvero a quelli che non restarono indifferenti o inattivi di fronte alla tragedia, ma che rischiarono la loro vita, e qualcuno di loro la perse, sforzandosi in primo luogo di evitare la guerra e, una volta scoppiata, di favorire una mediazione internazionale per una pace negoziata. Sono state importanti, anche, le azioni umanitarie per salvare persone minacciate oppure che erano ingiustamente imprigionate.

    Quindi è nel dramma della guerra che il giovane Sugranyes compie la scelta decisiva della sua vita. Scappato, come sappiamo, da Barcellona nell’agosto del 1936 si rifugiò in Svizzera. Qui andò a confessarsi da un prete catalano, il quale gli disse che non l’avrebbe assolto se non gli prometteva di tornare in Spagna a combattere con la milicia franchista.

    La confessione con il prete franchista
    Ecco come Sugranyes ricorda quel dialogo con quel prete franchista :
    “Quanti anni hai?”
    “Mi scusi, ma io vengo a confessare i miei peccati, non a dichiarare il mio stato civile”.
    “Non hai forse l’età militare? Perché non vai a lottare per Cristo Re?”
    “Non sono venuto qui per parlare degli avvenimenti del nostro paese, bensì dei miei peccati”.
    “Se non vai a combattere per Cristo Re non posso darti l’assoluzione”.
    “Allora mi perdoni, ma io me ne vado”.
    Ramon esce e va allora a consigliarsi da un altro sacerdote, il futuro cardinale Charles Journet: “Mi incoraggiò ad agire secondo la mia coscienza senza lasciarmi influenzare da condizionamenti esterni. Non è con la forza delle armi che il regno di Cristo verrà sulla terra”.

    Il grande teologo, amico di Montini, gli disse anche di rivolgersi a Don Luigi Sturzo. Ecco la splendida risposta di Sturzo alla lettera di Sugranyes de Franch :
    «La Chiesa di Spagna, che avrebbe dovuto fare opera di pace», scriveva Sturzo al giovane spagnolo, «si è per lo più allineata con una delle parti, fino a definire la guerra una crociata o guerra santa. Da quella stessa parte si trovano i latifondisti, gli industriali, la classe ricca, coloro che hanno la maggiore responsabilità nell’abbandono della classe lavoratrice nelle mani dei sovversivi, perché si sono opposti a tutte le riforme sociali tentate nel nome del cristianesimo, degli insegnamenti di Leone XIII e del movimento della democrazia cristiana. La sostanza della guerra civile è sociale, non religiosa; lo spagnolo è cattolico a modo suo, perfino quando brucia le chiese per protesta: fa come il carrettiere blasfemo, che se la prende con Dio perché il suo cavallo recalcitra… Secondo me, solo i cattolici e i preti che si saranno tenuti fuori dal conflitto potranno fare opera di pacificazione. Per questo soffro nel vedere che molti giornali e riviste cattolici stranieri sono così benevolmente a favore di Franco, senza pensare che in tal modo danno agli avversari nuovi motivi di credere che tutta la Chiesa cattolica, perfino il Papa, è nemica del popolo operaio spagnolo, nemica degli stessi baschi che difendono la loro identità e autonomia». Parole profetiche, guardando anche la Spagna di oggi.

    Quindi la sua non fu una comoda evasione “bensì un compromesso per la pace e la giustizia”.
    Difficile racchiudere in un periodo determinato della sua vita le sue attività. Ma sicuramente è in Pax Romana che svolse il suo ruolo di leader cattolico internazionale. I suoi “grandi amici”, per riprendere un termine di Raissà Maritain, sono stati i grandi del cattolicesimo europeo del XX secolo: Jacques Maritain, G.B. Montini (divenuto poi Papa Paolo VI), l’abbé Charles Journet, Vittorino Veronese (diventato poi Direttore Generale dell’Unesco), Padre Loewe e diversi altri. Così attraverso Pax Romana e la Fuci (Federazione universitaria cattolica italiana) conobbe diversi futuri esponenti della classe dirigente italiana, europea e sudamericana (Edoardo Frei, T. Mazowieski, e tanti altri tra cui anche il cardinale Wojtyla).

    Forse le parole del filosofo francese Etienne Gilson aiutano a trovare il senso della testimonianza di Sugranyes de Franch: “La finalità propria di Pax Romana è quella di organizzare attraverso il mondo la fraternità degli spiriti che mettono l’intelligenza al servizio di Dio”.

  6. Stefano Ceccanti ha detto:

    Lettera di Luigi Sturzo a Ramon, 13 marzo 1937
    Comprendo assai bene la sua angustia di spirito nell’isolamento in cui si trova e quando il non parteggiare può sembrare viltà e il parteggiare ripugna alla coscienza. La voce che Lei deve sentire è quella della coscienza. Se questa non sente di poter prendere parte con coloro che si macchiano di sangue fraterno dalle due parti, quale possa essere il suo avvenire personale, anche quello dell’esiliato, ella dovrà seguire la voce della sua coscienza”

  7. Alessandro Canelli ha detto:

    “Che c’entra la Resi­stenza? Lì c’era una parte giu­sta e una sba­gliata.”
    Sui libri di storia forse sì, sul campo le parti si confondono, e le scelte sono meno limpide.
    Per questo non mi sento di condannare chi prese parte all’una o l’altra parte.
    Ho fatto 20 mesi di servizio civile, come obiettore di coscienza, e non li ho fatti in biblioteca, ma mai mi sono sognato di condannare chi in famiglia ha preso le armi. Indipendentemente dalla parte per cui le aveva prese.

  8. Stefano Ceccanti ha detto:

    Io non condanno nessuno, infatti Paul Preston, a cui si deve la formula della “Terza Spagna”, come spiega bene Pierluigi Mele, vi mette insieme gli esuli e le persone ragionevoli che scelsero uno dei due campi come male minore, senza ideologizzare. Dico solo, che al di là delle motivazioni dei singoli, sul piano complessivo mentre dalla Resistenza scaturiva una prospettiva di futuro per tutti (e dal sostegno al campo opposto no), nel caso della Guerra di Spagna il successo di una delle due parti avrebbe comunque portato all’esclusione dell’altra.

  9. Alessandro Canelli ha detto:

    “dalla Resi­stenza sca­tu­riva una pro­spet­tiva di futuro per tutti (e dal soste­gno al campo oppo­sto no), nel caso della Guerra di Spa­gna il suc­cesso di una delle due parti avrebbe comun­que por­tato all’esclusione dell’altra.”

    Anche su questa parte, da emiliano con parenti la cui attività in montagna si svolgeva non troppo lontano da Porzus, mi permetta di dissentire amichevolmente… un abbraccio.

  10. Stefano Ceccanti ha detto:

    Suvvia Canelli, la Resistenza ha vinto e sono andati al Governo anche i post-fascisti: contra factum no valet argumentum

  11. Stefano Ceccanti ha detto:

    non valet, sorry

  12. Alessandro Canelli ha detto:

    Se parliamo degli accadimenti storici posteriori alla resistenza ed alla liberazione, non posso che acconsentire. Ma mi si lasci dubitare sulle reali intenzioni di tanti, che sono altra cosa rispetto alle astrazioni a posteriori che ne possiamo fare per amore di patria …
    Per questo dico che non me la sento di giudicare le scelte dei singoli, anche se penso ci troveremmo largamente d’accordo su altri giudizi.

  13. Stefano Ceccanti ha detto:

    ma qualcuno mandò in Cecoslovacchia quelli che volevano proseguire…

  14. Alessandro Canelli ha detto:

    Altri non so, alcuni miei parenti andarono in Yugoslavia…
    Ah, perchè, per l’invidia di Bianco, io sono parente di due commissari politici comunisti, di cui uno ancora vivo…
    😉
    Ma anche di un compagno di partito di Fanin, dall’altra parte.

  15. Stefano Ceccanti ha detto:

    ecco la testimonianza del monaco Hilari Raguer
    http://www.catalunyareligio.cat/articles/11956

  16. Stefano Ceccanti ha detto:

    Raguer su el Pais di oggi

    OBITUARIO: IN MEMÓRIAM
    Ramón Sugranyes, referente del pacifismo católico
    HILARI RAGUER 04/03/2011

    Vota Resultado 1 votos . .El pasado día 26 fallecía el profesor Ramón Sugranyes de Franch cuando le faltaban unos meses para llegar a los cien años.

    La noticia en otros webs
    webs en español
    en otros idiomas
    Su intervención en el Concilio evitó la condena explícita de la píldora
    Amenazado de muerte por su conocida trayectoria de dirigente de los universitarios católicos, logró salir de España en agosto de 1936. En Ginebra fue a confesarse con un sacerdote catalán, que le dijo que no le daría la absolución si no prometía ir a España a luchar por Cristo Rey. Se levantó sin la absolución. En cambio, el teólogo y posterior cardenal Charles Journet, le tranquilizó y le animó a obrar según su conciencia, añadiendo que el reino de Cristo no vendrá a la tierra por las armas. Más tarde escribió a Luigi Sturzo (fundador del Partito Popolare Italiano, exiliado en Londres desde que Pío XI y Mussolini firmaran los Pactos de Letrán), quien le contestó en 1937: “La Iglesia de España, que hubiera podido hacer obra de paz, se ha alineado mayoritariamente con uno de los partidos, hasta declarar la guerra una cruzada, o guerra santa. En este mismo partido se hallan los latifundistas, los industriales, la clase rica… El fondo de la guerra es social y no religioso… (al término de la guerra) solo los católicos y el clero que hayan permanecido fuera del conflicto podrán hacer obra de pacificación”.

    Sugranyes ecolaboró con los comités por la paz civil y religiosa en España que dirigía en París Alfredo de Mendizábal, con Joan B. Roca (padre de Miquel Roca Junyent) como secretario y el filósofo Jacques Maritain como figura de mayor prestigio.

    En Friburgo, donde residía, ingresó en Pax Romana, la organización internacional de universitarios católicos que buscaba la reconciliación entre Francia y Alemania y llegó a presidirla. Tanto se involucró, que algunos bromeaban llamando al movimiento “Pax Ramona”. Le sucedería Joaquín Ruiz Giménez.

    Pablo VI lo nombró auditor seglar en el Concilio Vaticano II, durante el que trabajó para la comisión sobre la familia de la constitución Gaudium et spes. En una de sus reuniones plenarias -en las que solo los obispos, como miembros propiamente dichos de la comisión, podían intervenir libremente- el presidente, el cardenal Mauricio Roy, leyó una comunicación de la Secretaría de Estado diciendo que el Papa quería una condena explícita de la píldora anticonceptiva en el documento conciliar. Sugranyes, saltándose el protocolo, afirmó que no le parecía propio de un concilio ecuménico pronunciarse sobre un fármaco cuyos efectos no estaban aún bien estudiados. Acabada la sesión, el cardenal Roy dijo a Sugranyes que lo que había dicho era muy importante: “Póngamelo en una nota y se la presentamos al Papa”. Sugranyes se quejó de que no le hubiera apoyado, pero la redactó. Gaudium et spes acabaría diciendo que la regulación de los nacimientos no puede seguir unos caminos que el magisterio de la Iglesia reprueba.

    Sugranyes es uno de los más insignes ejemplos de aquella tercera España, la de los que no cabían ni en la blanca ni en la roja. Fue hombre de paz en la Guerra Civil, y después de la II Guerra Mundial, desde Pax Romana, trabajó por la paz mundial. Descanse en paz.

    Hilari Raguer es historiador y monje de Montserrat.

Leave a Comment