Disocrso di Benedetto XVI nella celebrazione ecumenica


Il viaggio di Benedetto XVI in Grande Bretagna non era annunciato cosa facile, certamente alla vigilia si era caricato di altre tensioni. Penso che sia doveroso in questo nostro spazio dedicare a questo viaggio, attenzione al momento ecumenico e in particolare al discorso pronunciato da Benedetto XVI in Westimenter Abbey.

* * * * *

La celebrazione ecumenica con il primate della comunione anglicana nella Westminster Abbey
Ciò che condividiamo in Cristo è più grande di ciò che ci divide

Nella Westminster Abbey si è svolta venerdì sera, 17 settembre, una celebrazione ecumenica con la recita dei Vespri. All’inizio del rito il decano di Westminster, John Hall, ha rivolto un breve saluto a Benedetto XVI. Queste le parole introduttive del Papa.

Your Grace, Mr Dean,
Dear Friends in Christ,
I thank you for your gracious welcome. This noble edifice evokes England’s long history, so deeply marked by the preaching of the Gospel and the Christian culture to which it gave birth. I come here today as a pilgrim from Rome, to pray before the tomb of Saint Edward the Confessor and to join you in imploring the gift of Christian unity. May these moments of prayer and friendship confirm us in love for Jesus Christ, our Lord and Saviour, and in common witness to the enduring power of the Gospel to illumine the future of this great nation.

Di seguito una nostra traduzione italiana delle parole del Papa.

Vostra Grazia,
Signor Decano,
Cari amici in Cristo,
vi ringrazio per il vostro gentile benvenuto. Questo nobile edificio ricorda la lunga storia dell’Inghilterra, così profondamente segnata dalla predicazione del Vangelo e dalla cultura cristiana dalla quale è nata. Vengo qui oggi come pellegrino da Roma per pregare davanti alla tomba di sant’Edoardo il Confessore ed unirmi a voi nell’implorare il dono dell’unità tra i cristiani. Che questi momenti di preghiera e fraternità ci confermino nell’amore per Gesù Cristo, nostro Signore e Salvatore, e nella comune testimonianza del perenne potere che ha il Vangelo di illuminare il futuro di questa grande Nazione.

Questo il testo del discorso pronunciato dal Pontefice durante la celebrazione ecumenica.

Dear friends in Christ,
I thank the Lord for this opportunity to join you, the representatives of the Christian confessions present in Great Britain, in this magnificent Abbey Church dedicated to Saint Peter, whose architecture and history speak so eloquently of our common heritage of faith. Here we cannot help but be reminded of how greatly the Christian faith shaped the unity and culture of Europe and the heart and spirit of the English people. Here too, we are forcibly reminded that what we share, in Christ, is greater than what continues to divide us.
I am grateful to His Grace the Archbishop of Canterbury for his kind greeting, and to the Dean and Chapter of this venerable Abbey for their cordial welcome. I thank the Lord for allowing me, as the Successor of Saint Peter in the See of Rome, to make this pilgrimage to the tomb of Saint Edward the Confessor. Edward, King of England, remains a model of Christian witness and an example of that true grandeur to which the Lord summons his disciples in the Scriptures we have just heard: the grandeur of a humility and obedience grounded in Christ’s own example (cf. Phil 2: 6-8), the grandeur of a fidelity which does not hesitate to embrace the mystery of the Cross out of undying love for the divine Master and unfailing hope in his promises (cf. Mk 10: 43-44).
This year, as we know, marks the hundredth anniversary of the modern ecumenical movement, which began with the Edinburgh Conference’s appeal for Christian unity as the prerequisite for a credible and convincing witness to the Gospel in our time. In commemorating this anniversary, we must give thanks for the remarkable progress made towards this noble goal through the efforts of committed Christians of every denomination. At the same time, however, we remain conscious of how much yet remains to be done. In a world marked by growing interdependence and solidarity, we are challenged to proclaim with renewed conviction the reality of our reconciliation and liberation in Christ, and to propose the truth of the Gospel as the key to an authentic and integral human development. In a society which has become increasingly indifferent or even hostile to the Christian message, we are all the more compelled to give a joyful and convincing account of the hope that is within us (cf. 1 Pet 3: 15), and to present the Risen Lord as the response to the deepest questions and spiritual aspirations of the men and women of our time.
As we processed to the chancel at the beginning of this service, the choir sang that Christ is our “sure foundation”. He is the Eternal Son of God, of one substance with the Father, who took flesh, as the Creed states, “for us men and for our salvation”. He alone has the words of everlasting life. In him, as the Apostle teaches, “all things hold together” … “for in him all the fullness of God was pleased to dwell” (Col 1: 17, 19).
Our commitment to Christian unity is born of nothing less than our faith in Christ, in this Christ, risen from the dead and seated at the right hand of the Father, who will come again in glory to judge the living and the dead. It is the reality of Christ’s person, his saving work and above all the historical fact of his resurrection, which is the content of the apostolic kerygma and those credal formulas which, beginning in the New Testament itself, have guaranteed the integrity of its transmission. The Church’s unity, in a word, can never be other than a unity in the apostolic faith, in the faith entrusted to each new member of the Body of Christ during the rite of Baptism. It is this faith which unites us to the Lord, makes us sharers in his Holy Spirit, and thus, even now, sharers in the life of the Blessed Trinity, the model of the Church’s koinonia here below.
Dear friends, we are all aware of the challenges, the blessings, the disappointments and the signs of hope which have marked our ecumenical journey. Tonight we entrust all of these to the Lord, confident in his providence and the power of his grace. We know that the friendships we have forged, the dialogue which we have begun and the hope which guides us will provide strength and direction as we persevere on our common journey. At the same time, with evangelical realism, we must also recognize the challenges which confront us, not only along the path of Christian unity, but also in our task of proclaiming Christ in our day. Fidelity to the word of God, precisely because it is a true word, demands of us an obedience which leads us together to a deeper understanding of the Lord’s will, an obedience which must be free of intellectual conformism or facile accommodation to the spirit of the age. This is the word of encouragement which I wish to leave with you this evening, and I do so in fidelity to my ministry as the Bishop of Rome and the Successor of Saint Peter, charged with a particular care for the unity of Christ’s flock.
Gathered in this ancient monastic church, we can recall the example of a great Englishman and churchman whom we honour in common: Saint Bede the Venerable. At the dawn of a new age in the life of society and of the Church, Bede understood both the importance of fidelity to the word of God as transmitted by the apostolic tradition, and the need for creative openness to new developments and to the demands of a sound implantation of the Gospel in contemporary language and culture.
This nation, and the Europe which Bede and his contemporaries helped to build, once again stands at the threshold of a new age. May Saint Bede’s example inspire the Christians of these lands to rediscover their shared legacy, to strengthen what they have in common, and to continue their efforts to grow in friendship. May the Risen Lord strengthen our efforts to mend the ruptures of the past and to meet the challenges of the present with hope in the future which, in his providence, he holds out to us and to our world. Amen.

Una nostra traduzione italiana del discorso del Papa.

Cari amici in Cristo,
ringrazio il Signore per questa opportunità di unirmi a voi, rappresentanti delle confessioni cristiane presenti in Gran Bretagna, in questa magnifica Abbazia dedicata a San Pietro, la cui architettura e la cui storia parlano in maniera tanto eloquente della nostra comune eredità di fede. In questo luogo non possiamo non essere richiamati a come la fede cristiana abbia plasmato in modo così profondo l’unità e la cultura dell’Europa ed il cuore e lo spirito del popolo inglese. Qui, inoltre, siamo necessariamente richiamati al fatto che ciò che noi condividiamo in Cristo è più grande di ciò che continua a dividerci.
Sono grato a Sua Grazia l’Arcivescovo di Canterbury per il suo gentile saluto, così come al Decano e al Capitolo di questa venerabile Abbazia per il loro cordiale benvenuto. Ringrazio il Signore per avermi concesso, quale successore di san Pietro nella Sede di Roma, di compiere questo pellegrinaggio alla tomba di sant’Edoardo il Confessore. Edoardo, re d’Inghilterra, rimane un modello di testimonianza cristiana ed un esempio di quella vera grandezza alla quale il Signore nelle Scritture chiama i suoi discepoli, come abbiamo appena ascoltato: la grandezza di un’umiltà e di un’obbedienza fondate sullo stesso esempio di Cristo (cfr. Fil 2, 6-8), la grandezza di una fedeltà che non esita ad abbracciare il mistero della Croce a motivo dell’amore per il divino Maestro e della sicura speranza nelle sue promesse (cfr. Mc 10, 43-44).
Quest’anno, come sappiamo, ricorre il centenario del movimento ecumenico moderno, che iniziò con l’appello della Conferenza di Edimburgo in favore dell’unità dei cristiani, come requisito previo per una credibile e convincente testimonianza del vangelo nel nostro tempo. Commemorando questo anniversario dobbiamo rendere grazie per i notevoli progressi compiuti verso questo nobile obiettivo tramite gli sforzi di cristiani impegnati di ogni confessione. Nel medesimo tempo, tuttavia, rimaniamo consapevoli che molto ancora rimane da fare. In un mondo segnato da una crescente interdipendenza e solidarietà, siamo sfidati a proclamare con rinnovata convinzione la realtà della nostra riconciliazione e liberazione in Cristo e a proporre la verità del Vangelo come la chiave di un autentico ed integrale sviluppo umano. In una società che è divenuta sempre più indifferente e persino ostile al messaggio cristiano, noi tutti siamo ancor più chiamati a dare una gioiosa e convincente testimonianza della speranza che è in noi (cfr. 1 Pt 3, 15), e a presentare il Signore Risorto come la risposta alle più profonde domande e aspirazioni spirituali degli uomini e delle donne del nostro tempo.
Mentre entravamo in processione nel presbiterio, all’inizio di questa celebrazione, il coro ha cantato che Cristo è il nostro “sicuro fondamento”. Egli è l’Eterno Figlio di Dio, della stessa sostanza del Padre, incarnato, come afferma il Credo, “per noi uomini e per la nostra salvezza”. Lui solo ha parole di vita eterna. In lui, come insegna l’Apostolo, “tutte le cose sussistono”… “poiché è piaciuto a Dio che abiti in lui tutta la pienezza” (Col 1, 17.19).
Il nostro impegno per l’unità dei cristiani non ha altro fondamento che la nostra fede in Cristo, in questo Cristo, risorto da morte e assiso alla destra del Padre, che tornerà nella gloria per giudicare i vivi e i morti. È la realtà della persona di Cristo, la sua opera salvifica e soprattutto il fatto storico della sua risurrezione, che è il contenuto del kerygma apostolico e di quelle formule di fede che, a partire dal Nuovo Testamento stesso, hanno garantito l’integrità della sua trasmissione. L’unità della Chiesa, in una parola, non può mai essere altro che una unità nella fede apostolica, nella fede consegnata nel rito del Battesimo ad ogni nuovo membro del Corpo di Cristo. È questa fede che ci unisce al Signore, che ci fa partecipi del suo Santo Spirito e perciò, anche adesso, partecipi della vita della Santissima Trinità, il modello della koinonia della Chiesa qui sulla terra.
Cari amici, siamo tutti consapevoli delle sfide e delle benedizioni, delle delusioni e dei segni di speranza che hanno contraddistinto il nostro cammino ecumenico. Questa sera li affidiamo al Signore, fiduciosi nella sua provvidenza e nel potere della sua grazia. Sappiamo che la fraternità costruita, il dialogo iniziato e la speranza che ci guida, ci daranno la forza e indicheranno la direzione, mentre perseveriamo nel nostro cammino comune. Allo stesso tempo, con evangelico realismo, dobbiamo anche riconoscere le sfide che ci stanno davanti, non solamente sulla via dell’unità dei cristiani, ma anche nel nostro impegno di proclamare Cristo ai nostri giorni. La fedeltà alla parola di Dio, proprio perché è una parola vera, ci chiede una obbedienza che ci conduca insieme verso una più profonda comprensione della volontà del Signore, una obbedienza che deve essere libera dal conformismo intellettuale o dal facile adattamento allo spirito del tempo. Questa è la parola di incoraggiamento che desidero lasciarvi questa sera, e lo faccio in fedeltà al mio ministero di Vescovo di Roma e Successore di San Pietro, incaricato di una cura particolare per l’unità del gregge di Cristo.
Riuniti in questa antica chiesa monastica, possiamo richiamare l’esempio di un grande Inglese e uomo di chiesa che onoriamo insieme: san Beda il Venerabile.
All’alba della nuova era nella vita della società e della Chiesa, Beda comprese sia l’importanza della fedeltà alla parola di Dio come trasmessa dalla tradizione apostolica, sia la necessità di un’apertura creativa ai nuovi sviluppi e alle esigenze di un adeguato radicamento del Vangelo nel linguaggio e nella cultura del suo tempo.
Questa nazione, e l’Europa che Beda e i suoi contemporanei hanno contribuito ad edificare, ancora una volta si trova alle soglie di una nuova epoca. Possa l’esempio di san Beda ispirare i cristiani di queste terre a riscoprire la loro comune eredità, a consolidare quello che hanno in comune e a continuare nel loro impegno per crescere in fraternità. Che il Signore Risorto rafforzi i nostri sforzi per riparare le divisioni del passato ed affrontare le sfide del presente con speranza verso il futuro che, Egli, nella sua provvidenza, riserva a noi e al nostro mondo. Amen.

(©L’Osservatore Romano – 19 settembre 2010)

Leave a Comment